Persone che amano la solitudine: cosa dice la scienza? Hagemeyer, B., Neyer, F. J., Neberich, W., & Asendorpf, J. Rivista Online Psicologica. Che beneficio si trae quando la mente non opera uno scambio di idee con altre menti, si preferisce il silenzio al dialogo, non si esprimono emozioni, non si divide con nessuno il letto, il divano, la cena, una passeggiata? In Francia, un sondaggio del 2014 ha evidenziato che 5 milioni di francesi dichiarano di soffrire di solitudine; lo stesso ente nel 2017 ha mostrato come il 6% della popolazione tra i 15 e i 30 anni viva una condizione di isolamento sociale. È comune guardare con sospetto chi, ad esempio, sceglie di trascorrere il fine settimana in solitudine, staccando da tutto e tutti; oppure commiseriamo l’amico che non ha un partner e che non esita a ripetere “sto bene così”. In Europa la situazione non è diversa. Certo, per vedere cosa ne dice la ricerca in Psicologia, è necessario prima definire ciò che intendiamo per "solitudine" nel modo in cui queste persone lo sperimentano. Chi ama trascorrere del tempo da solo sa gestire meglio le proprie emozioni ed è meno soggetto a “esplosioni” di cattivo umore, disagio, frustrazione. Questo significa che se vivono da soli possono sperimentare una qualche forma di solitudine che, invece, tende a non disturbarli se hanno la fortuna di vivere con le persone giuste. 6 Dicembre 2016. In ogni caso, questa è la conseguenza dell'elusione del danno. Birk Hagemeye, Università di Jena, in Turingia (Germania) ha ideato con i suoi colleghi una scala per misurare il nostro grado di socialità, di collegamento con gli altri e di desiderio di solitudine. Queste persone di solito sono felici di trascorrere del tempo da soli e questo può spesso essere un segno di alta intelligenza. Non avete la minima idea di quanto abbiano dovuto lottare. Al polo opposto si situa chi vive con piacere la solitudine perché è frutto di una scelta, chi non fugge da qualcosa o qualcuno, ma ha bisogno semplicemente di nutrirsi con i propri pensieri. Aforismi, frasi e citazioni sulle Persone Solitarie Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulle persone solitarie, quel genere di individui, cioè, che amano la solitudine e che spesso, come "lupi solitari", preferiscono stare soli piuttosto che in compagnia, specie quando la compagnia lascia un po' a … Dobbiamo tenere a mente che qualcuno che preferisce la solitudine perché i suoi tentativi di uscirne sono stati frustrati, sia per molestie o difficoltà sociali, non sente un'autentica predilezione per la solitudine; rimangono isolati contro la loro volontà e, quindi, non si può dire che preferiscono essere soli in un modo autentico. Le persone che amano la solitudine mostrano un’attività più ridotta nella giunzione temporoparietale, una parte del cervello legata alla percezione degli altri, quindi questi neuroscienziati pensano che ciò indichi che la felicità può essere trovata anche in molte altre attività oltre che nelle relazioni sociali. E portano dentro una luce meravigliosa. Questo articolo, infatti, si concentra sulle persone che amano la solitudine. Sei una di loro o ne conosci qualcuna? Non giudicate le persone che amano stare da sole. Non sono persone asociali, affatto, amano condividere del tempo con le persone che amano, ma hanno costantemente bisogno anche di spazi di autonomia e solitudine. Questi sono i dubbi più comuni di chi, sul polo opposto, intende la vita come estroversione, costante ricerca di stimoli sociali, di compagnia, di sostegno da parte degli altri. Il Test Solitudine Quanto sei solo? Chi ama la solitudine? Man mano che cresciamo, ci abituiamo sempre più a stare da soli, così sempre più persone si sentono sempre più sole e tagliate fuori. Le persone che amano la solitudine Sono pulite, sono vere. Non è facile trovare un regalo per questo tipo di persone, dato che solitamente gesti plateali come regali e feste di compleanno che li rendono il centro dell’attenzione non sono esattamente il loro forte. Tuttavia, gli stereotipi sono solo questo, idee preconcette solitamente basate su miti mai messi in discussione. Anche il più nero dei cuori proverà dei sentimenti di fronte a questi regali. Voi appartenete a quei segni zodiacali? Accettare che stare da soli è normale e che molte persone condividono la stessa situazione è il primo passo per cominciare ad amarsi davvero. Le persone più estroverse, invece, manifestano spesso evidente timore o disagio nei confronti della solitudine. Come abbiamo accennato all’inizio, le persone solitarie possono corrispondere a diversi profili psicologici. Mentre alcune persone possono pensare che le persone che amano la solitudine sono sole e tristi - non è sempre così. Scoprite con noi cosa dice la scienza in proposito. Un altro dato interessante riguarda la migliore capacità di gestire lo stress da parte di chi sta bene anche da solo. Può essere felice chi non divide la propria vita con un’altra persona? Per i ricercatori la “Teoria della Felicità della Savana”, da loro creata, potrebbe fornire qualche risposta. (2013). In primo luogo, si è scoperto che questo profilo di personalità è significativamente meno incline all'instabilità emotiva, cioè a neurotismo. Quando parliamo di persone che preferiscono la solitudine ci riferiamo a coloro che non solo non rifiutano il tempo da soli, ma lo abbracciano e lo rendono parte della loro vita; Non hanno paura di stare con se stessi e con nessun altro e godono di situazioni di solitudine, vivendole come momenti di calma. Si dice spesso che sono individui misantropi, con problemi sociali o anche che non sono in grado di risolvere i problemi della vita quotidiana fuori casa. Di quale miracolo siano state capaci di compiere. Un'altra iniziativa simile ha proposto lo stesso obiettivo, ma questa volta hanno lavorato per studiare come stanno quelli che non hanno paura della singolarità . - Victor Hugo. La solitudine è diversa dallo stare da soli.. Quest’ultimo può essere una scelta, un bisogno, una forma di sollievo. Per La Crescita Personale. Si tende a pensare che una persona sola sia senza dubbio triste, che abbia delle difficoltà a relazionarsi con gli altri, che sia quantomeno strana, o pigra, e che non stia da sola per scelta, ma perchè è rifiutata dagli altri. Non è una fuga, non evita i rapporti con gli altri esseri umani, non nega la costruzione di legami significativi. Chi sa stare solo con se stesso, chi si sente bene in compagnia del proprio mondo interiore, avvolto da un flusso rilassato di pensieri ed emozioni, riesce ad affrontare meglio le situazioni stressanti e ansiaose. 2. Poi ci sono quelli che amano la solitudine. È vero che l'isolamento può essere molto dannoso, ma è anche vero che ogni persona è un mondo e la definizione di cosa significa essere solo varia a seconda di chi chiedi. Questa è la personalità di coloro che amano la solitudine e non hanno paura di essere single Novembre 11, 2020 Ci sono molti stereotipi su uomini e donne che sentono la predilezione per la solitudine. Alcuni anni fa, un team di ricercatori ha deciso di studiare il fenomeno della preferenza per la solitudine (non imposto dall'esterno) utilizzando due gruppi di persone sposate residenti in Germania; in un gruppo l'età media dei partecipanti era di 35 anni e nell'altro 42. Se ti piace passare il tempo da solo, ecco sette segni che … Per misurare la loro personalità, sia in questa ricerca che in quella precedente, è stato utilizzato il modello Big Five, che misura queste caratteristiche: Nel caso della ricerca su persone che apprezzano la solitudine, sono state fatte anche misurazioni sulla loro socialità, mentre nella ricerca sulla paura di essere single queste caratteristiche extra della personalità sono state misurate : I risultati di queste indagini distruggi completamente gli stereotipi prevalenti di persone capaci di godersi liberamente la solitudine. E a volte sono i segni zodiacali a dire se siamo capaci a stare da soli oppure abbiamo sempre bisogno di essere sempre accanto ad altre persone. D'altra parte, questo tipo di personalità si distingue anche per ottenere punteggi più alti in termini di apertura all'esperienza, mentre coloro che non temono di essere single sono, inoltre, più gentile e responsabile rispetto al resto . Valentina Marretta. La solitudine sana, catartica e positiva è quella che serve a “disconnettersi temporaneamente”. Le persone che preferiscono passare il tempo in compagnia di se stesse vengono spesso etichettate come "solitarie", anche quando lo stare da soli rappresenta una scelta ben ponderata. La coppia è decisamente l'emblema dello stare insieme ma ci sono alcune persone che amano conservare i loro spazi in quanto amanti della solitudine. Tuttavia, c’è un interessante aspetto da considerare. Magari proprio in questo periodo state soppesando i vantaggi … È un dato di fatto che ci sono molte persone che amano la solitudine e non c'è niente di sbagliato in questo. Valentina Marretta. Spesso a questa dimensione viene attribuita una connotazione negativa; la solitudine è, in apparenza, un atteggiamento contrario agli ideali di socialità e di interazione tipici dell’essere umano. Suggerimenti E Consigli Di Psicologi. «È per questo che suggeriamo alle persone anziane di fare un po’ di movimento tutti i giorni. Potrebbe sembrare una contraddizione, ma chi apprezza la solitudine sa riconoscere meglio i bisogni, le paure e le incertezze altrui. Si tratta di una personalità che la scienza ha cercato di analizzare, cercando di capire cosa risiede alla base di questo comportamento; ad esempio, occorre valutare se la solitudine venga utilizzata come via di fuga o addirittura sia l’atteggiamento nevrotico di chi rifugge il contatto con gli altri. Il loro tratto distintivo, per quanto sembri contraddittorio, è la gentilezza, la vicinanza e … Si sentono minacciate, si percepiscono come “perdenti” se in un certo momento si trovano senza partner, senza amici…. Tutti coloro che hanno icevuto in dote quintali di intelligenze, apprezzano molto la solitudine. Questa ragazza ha messo alla prova la propria paura e, nel farlo, ha fatto esperienza di due cose positive: la prima è che prendere in mano la situazione le ha dato un senso di orgoglio, si è sentita fiera di se stessa.Questo è un sentimento che nutre l’autostima e l’amor proprio. 7 Settembre 2017 7 Settembre 2017 di Tecnologia-Ambiente.it Potrebbe sembrare una contraddizione, ma chi apprezza la solitudine sa riconoscere meglio i bisogni, le paure e le incertezze altrui. La solitudine: potete fare ciò che volete e quando lo volete Se siete fra quelli che amano la solitudine e vivete da soli, è probabile che vi siate abituati a essere la persona di cui vi preoccupate maggiormente. La solitudine spaventa. Amano la solitudine. Le persone che apprezzano la solitudine hanno in genere una mente più aperta: sono originali, curiose e fantasiose. Invece che piangersi addosso, dicano al mondo ciò che amano e il mondo le ricompenserà permettendo loro di incontrare altre persone che amano gli stessi oggetti d’amore. Popolare Rivista Scientifica Mensile Femminile Di Psicologia. Se ci chiediamo, infine, quali aspetti negativi presenta. 14 tratti e atteggiamenti di queste persone, La teoria dei quattro umori, di Ippocrate, Come essere me stesso e non avere paura della propria identità, Le 11 principali malattie della colonna vertebrale, Curcuma: i suoi 10 benefici e proprietà curative, Le 5 fasi del sonno: dalle onde lente al REM, 10 dinamiche di presentazione per bambini e gruppi di adulti, The Rapport: 5 chiavi per creare un ambiente di fiducia, Articolo correlato: "Differenze tra personalità, temperamento e carattere", Forse ti interessa: "Anuphofobia: la paura irrazionale di essere single", Depressione (incapacità di essere incoraggiati anche in compagnia di altri), Dipendenza tra l'autostima e l'esistenza o meno della relazione di coppia. Se in molte occasioni preferiscono l'assenza di compagnia non è a causa di crisi, nervosismo o qualcosa del genere. La cosiddetta scala “ABC dei desideri sociali” permette di approfondire quest’ultimo profilo e vuole dimostrare quanto segue: Potremmo semplicemente dire che ognuno di noi ha la propria personalità e che nessuna è migliore di un’altra. Idee regalo per persone che amano la solitudine. Si, essere fratello e sorella, due anime che si toccano senza confondersi, le due dita della mano. Anneli Rufus, nel suo libro “Party of One: The Loners’ manifesto” (potremmo tradurlo con “Tavolo per uno: il manifesto dei solitari) sostiene che quasi il 25% della popolazione possiede questo tratto: essere solitari o apprezzare in modo intenso la solitudine. La società etichetta da sempre questa cospicua fetta di popolazione con gli aggettivi più coloriti e, di solito, a valenza negativa: asociali, misantropi, ombrosi, perdenti, snob e perfino egoisti. Rifugiarsi nel momentaneo guscio della solitudine è sano e positivo: è sintomo di benessere. Le persone che apprezzano la solitudine hanno in genere una mente più aperta: sono originali, curiose e fantasiose. Ha una buona percezione di se stesso, gode di una buona autostima, ma quando pensa a come lo vedono gli altri, tende a percepirsi come  il “diverso” o lo “strampalato del gruppo”. È vero che le menti di queste persone sono impoverite dall'isolamento o sono più o meno sane del resto della popolazione? Gli scienziati sostengono che a influenzare la nostra vita non siano solo le con… Non è che preferiscono necessariamente essere senza un partner in qualsiasi contesto, ma che non lo vedono come un obiettivo vitale importante ed astratto e che deve essere soddisfatto a tutti i costi.